Emiliano Rinaldi – Autunno Inverno 2013

0

Emiliano Rinaldi, stilista aretino che utilizza la sua creatività e progettualità da ingegnere nel realizzare capi di abbigliamento.
La sua collezione Autunno Inverno 2013, chiamata “La Noia”, ci presenta un uomo di fin siecle, elegante, distaccato, imperturbabile con qualunque capo stia indossando.

Interessanti sono la giacca a righe, con camicia e cravatta dello stesso motivo, o la rivisitazione e rielaborazione del cappotto a doppio petto in lana pettinata, con il bavero in seta a contrasto.
Tutti i capi proposti, si vedano anche il pigiama e la vestaglia da camera, il giubbotto con il collo alla coreana, il loden con i bottoni coperti, tipici elementi di un’eleganza maschile in gran parte abbandonata o dimenticata. Vengono riproposti giocando sulle forme, più asciutte e moderne rispetto alle origini, e sui colori non più così tanto attuali come il bordeaux ed il blue indaco, ma giocando in chiave più contemporanea attraverso effetti melange che rendono assolutamente indossabile tutta la collezione non solo dai nostalgici del tempo che fù ma anche da chi cerca di essere anticonformista in modo silenzioso, e pertanto più sottile, che ostentando, e quindi, solitamente, in maniera più provocatoria o volgare.

Emiliano Rinaldi , designer from Arezzo who uses his creativity and design as an engineer in making fashion garments. His Autumn Winter 2013 collection, called “Noia” (=Boredom), gives us a man of fin siecle, elegant, aloof, imperturbable with any item he is wearing. Interesting are the striped jacket, with shirt and tie of the same motif, or the review and revision of the coat double-breasted worsted wool, with the collar in contrasting silk. All the clothes offered, see also his pajamas and dressing gown, a jacket with a mandarin collar, loden with covered buttons, typical elements of masculine elegance largely abandoned or forgotten. Are repeated playing on shapes, slimmer and more modern compared to the origins, and the colors are not so much any more current like burgundy and indigo blue, but playing in a more contemporary way through melange effects that make absolutely wearable throughout the collection not only by nostalgic of yore but also by those seeking to be unconventional in a silent way, and therefore more subtle, than flaunting, and then, usually, in a more provocative or vulgar way.