Banksy sale in cattedra e insegna la libertà

0

 

Per tutte le riforme della scuola che diminuiscono le ore di arte, di disegno e di musica in scuole e licei e per tutti quelli che studiare l’arte non serve più. Ditemi poi se sapreste raccontare ai vostri figli la differenza fra gli affreschi di Michelangelo e cosa oggi è considerato arte, riuscireste a trovare una risposta? La storia di oggi è per tutti voi.

 

093807850-a1969a36-d4cf-4886-aab3-0cbc47a98c4f

 

C’ è una scuola a Bristol, la Bridge Farm Primary School, che poche settimane fa aveva intitolato una sua aula a Banksy, il writer che era cresciuto proprio sui quei banchi, e così facendo ha permesso, più di qualsiasi esposizione internazionale, all’artista di entrare nel dialogo educativo contemporaneo.

 

Banksy ha risposto e ha ringraziato nella maniera che gli riesce meglio: realizzando una nuova opera proprio sul muro dell’edificio nei pressi dell’entrata, un murale che rappresenta un bambino che gioca con una ruota in fiamme, un fiore e una casetta. Sicuramente i ragazzi della Bridge sapranno d’ora in avanti parlare di street art e della cultura ad essa legata, una cultura moderna, che urla libera e non ha paura di confronti e divieti.

 

093806020-52d3e6be-35aa-4f89-bbbe-1f53fcbb9982
 

“Ricordatevi che è più facile ottenere il perdono che il permesso”. è la lettera che ha lasciato l’artista in persona ai piedi dell’opera, che suona come monito, come lezione di vita ma invita anche i ragazzi della scuola ad avere il coraggio di cambiare il murale se non gli dovesse piacere così tanto.

 

Per l’ennesima volta Banksy è salito in cattedra. La libertà è la miglior lezione che si può insegnare.

 

145207386-19d3dba7-ec00-4b79-a19b-cec2eb493ddf

 

SUBSCRIBE
Unisciti alla nostra mailinglist, sai che vuoi farlo.