Architettura ed emozioni en plein aire

17 mar ’17 at 10:00 am  •  0 Comments  •  1167 views

By

Architettura ed emozioni all’aria aperta. Questi gli ingredienti con cui Montpellier si prepara alla nuova edizione del FAV, il Festival des Architectures Vives che animerà la città a sud della costa francese dal 13 al 18 giugno di quest’anno. Una manifestazione iniziata nel 2006 e che dal 2013 coinvolge anche La Grande Motte con uno scopo affascinante e suggestivo: creare un percorso urbano in cui esclusive installazioni architettoniche si intersecano con il patrimonio storico e culturale locale, per far scoprire e riscoprire a turisti e cittadini le bellezze nascoste delle due città.

FAV_3

Le installazioni distribuite in modo capillare nascono fin dalle origini della manifestazione dal genio creativo di un ristretto gruppo giovani architetti. L’edizione di quest’anno vedrà realizzati i lavori di 10 talenti, gruppi creativi e singoli partecipanti provenienti dall’Europa e dal mondo intero.

Le loro installazioni seguiranno il filo conduttore scelto per l’edizione 2017 del FAV, emotions. L’ispirazione di questo tema si sintetizza in una frase pronunciata da Le Corbusier ai suoi studenti: “La Costruzione è ciò che serve a sostenere, l’Architettura, invece, è ciò che provoca un’emozione”. La sfida sarà proprio quella di interpretare l’architettura indagando la sua capacità di creare emozioni, sia positive, sia negative; così la gioia, la rabbia, la tranquillità, la tristezza, la paura, l’euforia diventano palpabili e si concretizzano in un’istallazione effimera che valorizza e dona nuova luce al luogo scelto per la sua collocazione.

 

FAV_5

Architettura quindi come stimolo e come elemento fondamentale per interpretare lo spazio intorno a noi: ogni installazione si fonde all’ambiente che la circonda, diventando un elemento fondamentale, seppur temporaneo, del luogo stesso e lo valorizza grazie alla propria forza artistica.

 

FAV_4

Aspetto distintivo di ogni edizione è il Padiglione principale, punto di partenza di ogni Festival des Architectures Vives, che introduce e guida ogni visitatore all’interno del percorso urbano. Quest’anno la realizzazione del Padiglione è nelle mani di ØNA, il gruppo formato dai giovani architetti Maxime Agred, Quentin Giraud, Jean-Baptiste Blondel e Julien Gueganou provenienti proprio dall’ Ecole Nationale Supérieure di Montpellier.


Le edizioni passate del FAV hanno saputo stupire, sorprendere, sedurre, incuriosire. Non vediamo l’ora di scoprire quella che ci farà emozionare.

 

FAV_1

 

About Elisa

La letteratura è la mia passione, perché ogni testo mi ha sempre permesso di perdermi tra le righe, di guardare ciò che mi circonda attraverso nuovi occhi, di trovare risposte, e domande, che non sapevo di cercare. Sono laureata in filologia moderna e mi piace scrivere, ascoltare, chiacchierare. Adoro l'arte in tutte le sue forme: mi affascina perdermi in un museo, sognare in un teatro, cantare a squarciagola in un concerto. E soprattutto adoro viaggiare. Cerco di partire tutte le volte che posso, per scoprire nuovi angoli di mondo e i segreti che vogliono raccontare.

 

Leave a Reply

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>