Quelle sere in cui si ha voglia di leggere poesie

17 feb ’17 at 1:00 pm  •  0 Comments  •  1465 views

By

Mettiamo una sera qualsiasi, dopo una giornata intensa di lavoro, ricca di appuntamenti, di obblighi, di conference call, di report, di no… e chi più ne ha più ne metta. Se va bene sono le 18.30, se va male possiamo spostare le lancette dell’orologio molto più avanti, ma quando varchiamo la soglia di casa abbiamo tutti, purtroppo, qualcosa in comune: un umore nero e la tentazione di lanciarci sul divano e sotto il piumone – contemporaneamente, con una inconsapevole abilità quasi agonistica. Così, immersi nella nostra nuvoletta nera, pensiamo: “Basta, non ho la forza di impegnarmi, ho voglia di scollegare il cervello, di far partire l’ultimo episodio di Orange is the new black e non pensare; per leggere proprio non ho la testa” .

E se invece fosse proprio un buon libro l’antidoto scaccia pensieri capace di farci compagnia per ritrovare la serenità?

Un libro aspetta i nostri tempi, non ci mette fretta e non si fa attendere. Lo scorrere delle parole e delle frasi scritte nero su bianco dà vita a infiniti mondi possibili, si trasforma in immagini che ci parlano, ci interrogano, ci rispondono. E così, quasi senza accorgersene, la nostra mente scaccia le energie negative e inizia a ridere, si commuove, riflette, disegna pensieri mutevoli e fluttuanti che sanno abbracciare tutti i nostri stati d’animo, anche quando crediamo di non avere la voglia, o la forza, di pensare.

Per questo un buon libro è meglio di qualsiasi altra cosa. O è la ciliegina sulla torta di qualsiasi altro svago: perché forse, quando vediamo tutto nero, è bellissimo farsi prestare gli occhi di qualcun altro per continuare a vedere a colori. E in questo niente, se non un libro, riesce così bene nel suo intento.

 

Trinity College 2

 

Se dovessi pensare a tutti i titoli che hanno saputo ribaltare una giornata no non basterebbe un’intera pagina: Murakami, García Márquez, Abad Faciolince, Coelho, Stefánsson, Carver… sono solo alcuni degli autori che mi vengono in mente tra gli ultimi romanzi che ho letto, di cui custodisco parole preziose come tesori.

Ma può capitare che nelle serate come quelle di cui stiamo parlando un romanzo non sia esattamente ciò di cui abbiamo bisogno: sono queste, infatti, quelle sere in cui di solito si ha più voglia di leggere poesie. È incredibile come un solo verso possa regalarci un nuovo modo di vedere un problema, una situazione, la nostra famosa giornata no. O addirittura possa aiutarci a vedere altro, quel bello che si nasconde anche nelle cose più banali della nostra vita quotidiana.

Anche in questo caso la lista dei suggerimenti o degli autori da leggere potrebbe non avere fine, iniziando dai ricordi dei banchi di scuola, intersecandosi tra consigli, suggerimenti, citazioni, per spingersi fino alle scoperte più recenti. Ed è proprio di questo che mi piacerebbe parlare, di quei poeti contemporanei che sanno raccontare in versi la nostra vita di tutti i giorni, con le sue piccole vittorie e le sue difficoltà. Io in questo momento ho tra le mani due libri: il primo è di Guido Catalano, Ogni volta che mi baci muore un nazista. È divertente, irriverente, allegro, triste: è, proprio come dice lui, una raccolta bellissima, da leggere dalla prima all’ultima poesia, dall’ultima alla prima, o saltellando da una all’altra “come fossero acini d’uva di un grande grappolo maturo”. Il secondo è di Gian Luca Favetto, Il viaggio della parola. Il suo viaggio è profondo, divertente, malinconico, l’alfabeto di Favetto diventa “pallottoliere del mondo” e, tra le altre cose, ci fornisce una risposta: perché leggiamo i libri.

Non c’è biblioteca enciclopedia che sostituisca il mondo


non c’è libro se non la vita. E non c’è vita se non fuori

di te. Fuori di te è il mondo.

Ma non c’è mondo che non abiti fogli carte mappe in-

chiostri per vincere la nostalgia.

E tutto sommato ci racconta perché forse, anche questa sera, avremo voglia di leggere poesie.

 

Trinity College

P.s. Le fotografie sono state scattate da me nella Trinity College Library di Dublino: un posto imperdibile per ogni amante dei libri!

About Elisa

La letteratura è la mia passione, perché ogni testo mi ha sempre permesso di perdermi tra le righe, di guardare ciò che mi circonda attraverso nuovi occhi, di trovare risposte, e domande, che non sapevo di cercare. Sono laureata in filologia moderna e mi piace scrivere, ascoltare, chiacchierare. Adoro l'arte in tutte le sue forme: mi affascina perdermi in un museo, sognare in un teatro, cantare a squarciagola in un concerto. E soprattutto adoro viaggiare. Cerco di partire tutte le volte che posso, per scoprire nuovi angoli di mondo e i segreti che vogliono raccontare.

 

Leave a Reply

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>