Archi-union: vibrante mattone

18 nov ’16 at 11:00 am  •  0 Comments  •  1085 views

By

Può un elemento finito come il mattone combinato con l’assemblaggio meccanico rendere fluida una parete?

20161009172834311

 

A questa domanda hanno dato una risposta affermativa gli architetti dello studio Archi-union, ambasciatori della digital fabrication in Cina.

 

 

 

 

Proprio grazie a questo metodo contemporaneo di costruire gli architetti orientali hanno trasportato dal mondo virtuale a quello reale un ambizioso progetto di ristrutturazione di uno spazio espositivo a Shangai. L’intervento di ristrutturazione ha visto la realizzazione della nuova facciata principale e la costruzione di una nuova copertura leggera in legno innalzata rispetto alla quota di quella precedente, ottenendo così un aumento dello spazio espositivo e la possibilità di avere delle terrazze a cielo aperto.

L’assemblaggio robotizzato ha permesso di raggiungere un effetto estetico del tutto inaspettato: la facciata ondeggiando si protrae verso la piazza “invadendo” lo spazio pubblico con una vibrante energia che riverbera nel quartiere. L’elemento base è il mattone grigio-verde, materiale recuperato dalla facciata precedente, questo richiama la storicità del luogo che si rinnova grazie a nuovi metodi di cantiere: tecnologicamente avanzati e dai tempi più rapidi.

20161009181502128

 

20161009173229249

 

20161009181520173

20161009172545207

 

20161009172525158

 

 

 

Paola

About Paola

Da bambina sognavo di diventare veterinaria, poi mi è venuto il pallino per l’astronomia e infine sono stata sedotta dall’architettura. Intrigata dalla tecnologia, studio la sua applicazione nel campo dell'edilizia. Nel tempo libero amo leggere e cucinare, visitare mostre e girovagare per la grande rete. Da tutto ciò nascono gli articoli che scrivo per Bobos.

 

Leave a Reply

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>