Expo 2017: ci vediamo in Kazakistan

9 dic ’16 at 10:00 am  •  0 Comments  •  2692 views

By

Milano, a conclusione dell’esposizione internazionale, ha passato il testimone ad Astana, capitale del Kazakistan.

Questo paese in forte crescita e sviluppo economico accoglierà l’Expo sull’energia, tema ben approfondito durante il congresso COP21 tenutosi l’anno scorso a Parigi. Oggigiorno la situazione globale sta vivendo delle forti contraddizioni: da un lato ci sono i Paesi in via di sviluppo che richiedono sempre più maggiore energia per accrescere la propia economia emergente, mentre dall’altro la comunità scientifica chiede un consumo sempre più consapevole di energia e il ricorso a fonti rinnovabili. Con il titolo “Solutions for Tackling Humankind’s Greatest Challenge” (Soluzioni per affrontare la più grande sfida dell’umanità) Expo 2017 vuole riunire le istituzioni mondiali per dialogare su strategie per il futuro al fine di diminuire il consumo di fonti fossili.

Diversamente dalle ultime edizioni in Kazakistan le partecipazioni nazionali saranno accolte in grandi padiglioni, all’interno dei quali si troveranno vari spazi da allestire, un masterplan molto più semplice e assimilabile a un’esposizione fieristica. L’Italia sarà ospitata in uno spazio progettato dallo studio romano ABDR, proclamato da poco vincitore del bando di gara. Il progetto prevede un forte interscambio tra interno ed esterno: un percorso attraverso volumi ovoidali che porteranno il visitatore fino alla copertura per poi farlo riscendere verso l’interno. La tecnologia utilizzata sarà quella a secco con tubi innocenti, pannelli in legno e cartongesso: tutti materiali che garantiscono economicità e velocità nell’assemblaggio. Le pareti si animeranno grazie alle immagini riprodotte da 70 proiettori che avvolgeranno il visitatore in una grande narrazione, il tutto racchiuso da una facciata comunicativa, un led wall dove tre saranno i colori principali come tre sono le fonti rinnovabili del futuro: verde a simboleggiare l’idro-elettrico, bianco per l’eolico e rosso per la fonte solare.

 

omnimilano_image__0034_071015

 

astana-2017-02

 

Paola

About Paola

Da bambina sognavo di diventare veterinaria, poi mi è venuto il pallino per l’astronomia e infine sono stata sedotta dall’architettura. Intrigata dalla tecnologia, studio la sua applicazione nel campo dell'edilizia. Nel tempo libero amo leggere e cucinare, visitare mostre e girovagare per la grande rete. Da tutto ciò nascono gli articoli che scrivo per Bobos.

 

Leave a Reply

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>