Sei pronta a partire?

7 apr ’17 at 9:30 am  •  0 Comments  •  101 views

By

 

Puntuale come la primavera c’è solo la blooming mania, fiori sugli alberi, fiori nei capelli, fiori sui vestiti. Ma tra poco arriva l’estate, ed è subito riga da marinaio che non manca mai nel nostro armadio. Ma quest’anno vorrei anche fare uno di quei viaggi da ricordare per sempre, in India non so, sicuramente in Oriente.
Non so ancora per che terre lontane partire, ma sicuramente quest’anno saprò cosa mettermi.

 
 

 

 

C’è un brand che non si fa trovare impreparato alla Primavera-Estate 2017 con le sue forme ampie, le sfumature tenui, un sapore di spezie che ti entra nel naso, e tanta, tanta morbidezza. Falconieri presenta una delle collezioni più eclettiche e delicate della primavera 2017 in cui c’è tanto coloniale – il tocco di classe della collezione, lasciatemelo dire, che se lo merita tutto -, tutti i colori caldi e dorati della nostra Italia del Sud e delle Isole, un pizzico di giardino botanico parigino e le sempre amate righe che perdurano in uno stato di grazia. La fedeltà del brand al ‘fatto bene’ si ritrova in questa collezione nelle decorazioni dal fascino esotico, nei tagli e nei materiali, come lini grezzi accesi da tocchi di luce, e nei kaftani dal sapore chic di un tramonto. Una collezione calda come la luce del sole in viso a maggio, calda come la sabbia al tramonto. Una collezione che tra i suoi filati tesse il profumo dell’estate.

 
 

FALCONERI 4

 
 

Una collezione per noi che alle settimane della moda preferiamo viaggiare, che sia anche solo tra le vie della nostra città. Per noi che che abbiniamo le righe ai fiori perché gli spiriti liberi si devono riconoscere da lontano. Per noi che abbiamo una debole per la qualità del come una volta. Sei pronta a partire?

 
 

2016-11-10_FALCONERI_08_057

Agnese

About Agnese

Da grande voleva fare il pirata ma si laurea in fashion design al Politecnico di Milano. Eclettica e grintosa. Appassionata di arte, di cultura e sopratutto curiosa. Ama la Spagna, il suo blog, e con la seconda laurea ha imparato la storia dell'arte, e anche del mettila da parte. Ha iniziato a parlare tardi, racconta la mamma, ma non ha più smesso. Senza soluzione di continuità lavora, twitta, insegna vela ai bambini, scia, parla (troppo), legge (molto), scrive (il giusto), dorme (poco). Semina amici sulla penisola, crede nelle beneficenza a Trenitalia, raccoglie ovunque famiglie. Talvolta il vento e il mare la chiamano, ma poi torna, carica di nuove storie da raccontare.

 

Leave a Reply

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>