By

 

ginnika 2

Se fossimo negli anni 80, l’arrivo dell’estate, sarebbe scandita da eventi del calibro di Festivalbar. Ma visto che siamo nel secondo quarto dei favolosi 2000, sono altri gli appuntamenti imperdibili. Uno tra tutti è Ginnika. Chiamateli Posse, Crew, Sneakerhead, chiamateli come volete, l’importante è che sappiate che da qualche anno a questa parte, organizzano uno degli eventi più belli e popolari in quel di Roma. Loro definiscono Ginnika come “un progetto che nasce dalla voglia di condividere una passione, le sneakers, mettendo a disposizione il background di competenze per creare qualcosa che alla fine ripaghi in esperienze e emozioni”. Non solo una mostra fine a se stessa, ma un progetto che si espande a 360 gradi sulle altre facciate, di questo complessa e interessantissima scena. che ingloba streetwear, sneaker culture, sport, arte e musica. Quindi, eccoli presenti anche quest’anno con l’edizione 2017 . Scordatevi frasi del genere “il meglio è nemico del bene”, visto che lo scorso anno avevano portato a Roma Mr SBTG.

ginnika 3

Questa volta, per ribadire il concetto che le sneaker non sono un mondo isolato, ma attraversano innumerevoli percorsi, ecco a voi arrivare uno dei padri della scena NewYorkese in fatto di graffiti, ovvero Stash, che è stato il primo a portare questo tipo di arte grafica nello streetwear. In attacco con lui, c’è un’altra figura cardine della musica e della scena streetwear anni 90, questa volta sponda Britannica, cioè James Lavelle, fondatore dell’etichetta discografica Mo’Wax e del collettivo musicale Unkle. Quindi se non l’avete capito, preparatevi a due giorni intensi, fatti di mostre, dove la sneaker, che in questo 2017, compie 100 anni, la potrete ammirare nella sua evoluzione nel corso degli anni. Tanta musica, con ospiti del calibro di Tedua e Sfera Ebbasta. Bellissima la conferenza con Stash e Lavelle e la mente dietro a Crep Project, ovvero Simon Bowden, per parlare del passato, presente e futuro di questa culture e anche con Nomuri, storico store di Sanremo, Sisti e Simone Becool, per arricchire il tutto con personaggi cardine di questa scena. Ovviamente lo sport di strada è un l’altro asso nella manica di questa manifestazione, quindi via ai tornei di basket e di calcio due contro due. Non vi preoccupate se vi verrà fame o sete, perchè ci sarà il miglior food e beverage. L’area fitness ad opera degli Eternal Eagles e il live Painting di Stash, l’area market, sono musica per le mie orecchie. Il 9 giugno, party d’apertura all’ex dogana, dove la consolle prenderà vita attraverso le mani di Mr Lavelle. Poi, il 10 e l’11 giugno, il tempo si ferma per dare inizio allo “Show” targato Ginnika. Non perdere l’occasione di entrare nella storia.

giinka 3

 

 

About Andrea

Dal 1998 presente nella scena, quando eravamo solo pochi aficionados a capire che qualcosa stava avvenendo in italia. Blogger per passione, sneakerista insolito, cresciuto tra lars von trier e De sica, paroliere per vizio.

Leave a Reply

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>